Cromopuntura

Il colore come strumento di autoguarigione

Cromopuntura

La cromopuntura è una tecnica sviluppata in Germania dal ricercatore Peter Mandel. L’idea su cui si fonda è che sotto forma di luce, e in particolare di colore, sia possibile veicolare non soltanto energia, ma soprattutto informazione.

Per mezzo di un generatore di luce chiamato “penna”, si concentrano fasci di luce colorata sui punti energetici del corpo, in corrispondenza dei meridiani dell’agopuntura.

Con la luce colorata irradiata sulla pelle, si ristabiliscono adeguate connessioni tra le cellule, e di conseguenza si rinforzano gli organi deboli ai quali quei punti sono collegati.

Il mio incontro con la cromopuntura

Ho scoperto questa tecnica in un mio momento critico, di smarrimento: mi ha portato luce nel vero senso della parola, illuminando il buio in cui ero finita.

Sin dal primo momento è risuonato qualcosa in me quando si parlava di questa tecnica, per cui incuriosita ho deciso di approfondirne lo studio.

La Cromopuntura è particolarmente indicata nel caso di dolori alle articolazioni, di problemi derivanti da disordini del metabolismo o di disturbi della sfera emozionale; inoltre agisce a livello ancora più profondo, lavorando sulle cause emotive dei sintomi e donando un benessere generale che consente il miglioramento della qualità della vita.

I colori

ROSSO

Stimola il flusso mestruale, riscalda, tonifica e apporta energia e nutre il sangue. Agisce prevalentemente sul piano fisico,è indicato per riscaldare quando la causa del problema è il freddo.

Stimola la produzione del sangue, aiuta a tonificare il meridiano del Rene e quindi l’energia generale del corpo; è molto indicato infatti per persone freddolose e spesso stanche, con bisogno di sdraiarsi spesso.

ARANCIONE

Lavora sul sistema endocrino e per le persone tristi, insoddisfatte, pessimiste, svogliate nei contatti con sé stesse e con gli altri. Per chi ha problemi nei sentimenti, lavora sulla gioia di vivere e sulle emozioni, risveglia il nostro bambino interiore. Tonifica l’umore, apporta energia emotiva positiva, è quindi indicato nella stanchezza emozionale. Utile per tirare su il morale, per lavorare sulla tristezza, per vuoto di Polmone, per un lutto o per malinconia.

GIALLO

E’ il colore del sole, della luce che splende, del calore che riscalda, della fonte che illumina.

Si usa principalmente per agire sui meridiani di stomaco e milza – pancreas, i più predisposti ad essere colpiti del fattore patogeno “umidita”.

E’ indicato per smuovere i liquidi, per lavorare sulla linfa e sulla ritenzione idrica.

Quando una preoccupazione diventa un pensiero ossessivo, aiuta a ritrovare il centro di sè e l’armonia.

VIOLA

Ha il potere di muoverei ristagni di sangue, che sono la prima causa di dolori lancinanti e insopportabili, perciò il trattamento appropriato porta molte soddisfazioni.

Lavora sui conflitti di ogni natura, soprattutto sul piano mentale.

E’ utile per riportare in uno stato di coerenza il cuore e il cervello.

BLU

Induce il rilassamento, è rinfrescante e tranquillizzante.

E’ molto indicato nelle infiammazioni perché raffredda e disperde i dolori da calore e rilassa il sistema nervoso.

E’ sedativo, per cui è utile per le persone agitate e in caso di insonnia.

Calma rabbia e agitazione, è antidolorifico e riduce la febbre. Calma il prurito, è indicato nei disturbi della pelle.

INDACO

Agisce sui conflitti di natura molto antica, rompe gli schemi ripetitivi di sofferenza.

E’ il colore più spirituale, si usa per depurare in profondità e per aiutare a risolvere i conflitti sul piano dell’anima,

Aiuta a rompere gli schemi che si tramandano nella famiglia e i traumi che hanno invaso la costituzione.

VERDE

E’ un grande armonizzante e decontratturante, rilassa la muscolatura, soprattutto se usato sui punti di vescicola biliare.

Combatte le infiammazioni fluidificando i ristagni e quindi decongestiona; coadiuvante nelle emicranie, nevralgie e febbri.

Stimola e regolarizza l’attività dell’ipofisi e dell’epifisi.

Regolarizza il ciclo mestruale, aiuta quando si sente la “testa vuota” e si è incapaci di concentrarsi.

Aiuta a ritrovare l’equilibrio interiore.

© Copyright - francescacanella.it
error: Il contenuto è protetto da Copyright!!